L'associazione
Territorio
Link
La discografia
Glossario
Pagina principale
Appuntamenti
e-mail

 

La ragassa

 

Cosa ne facio de la tua sostansa
conosco una ragassa di quatordician
la gà sposà d'un vecio
che'l par me pà.

E quan fu stata apena maritata
e li el ghe dise: sposa cossa gh'è da far
prendi e nemo in camera
a riposar.

Cpssa ònti fato, poverina mia,
la prende una carèga e la si senta giù
e la comincia a piange
non finisse più.

Cos'ài da piangere sposina mia
e quando sarà l'ora che io morirò
tuta la mia sostansa
ti lassierò.

Se piango, piango per i miei pecà
piango perché vedo cossa m'è tocà
che gò sposà d'un vecio
che'l par me pà.

Non devi piangere sposina mia
e quando sarà l'ora che io morirò
tuta la mia sostansa
ti lassierò.

Cosa ne facio della tua sostansa
giovani con giovani amori con amor
e a casa gò sto vecio
l'è un gran dolor.


Informatore: Pozzerle Giovanna (Velo Veronese 1928)

 

Per contattarci: canzoniere@canzonieredelprogno.it

 

 

 

Free website counter