L'associazione
La tradizione popolare
Videostorie
Pagina principale
La ricerca
Il canto popolare
La discografia


PROVERBI E MODI DI DIRE

 

I proverbi fanno ancora oggi parte della nostra cultura e del nostro modo di pensare. Sono preziose pillole di saggezza popolare che si sono tramandate nel tempo di padre in figlio rimanendo pressoché inalterate nel tempo.

I proverbi locali sono quasi sempre l'espressione della saggezza del contadino, o meglio, dell'anziano contadino che ha lungamente riflettuto e sperimentato prima di formulare detti e sentenze. Proverbi e modi di dire sono inoltre fondamentali indizi per capire la cultura di un popolo, preziosi suggerimenti sul quotidiano vivere e dell'arte del saper arrangiarsi.

Di seguito alcuni dei numerosissimi modi di dire e detti di nostra conoscenza e documentati durante la ricerca sul territorio veronese ed in particolare in Valle d'Illasi. Solo in rari casi la traduzione letteraria rende il significato del proverbio, abbiamo fatto alcune eccezzioni per aiutare il lettore, ma precisiamo che spesso se ne perde il sapore e il significato che sta dietro ad alcuni idiomi, giochi di parole, similitudini o a frasi metaforiche.

Consigliamo inoltre la lettura dei libri scritti da Dino Coltro ed Ezio Bonomi.

 

 

Polenta e late
ingrossa le culate.

Col minestro che se minestra
se vien minestrà.

La pegora che sbèrla
la perde el bocon.

Con acoa e ciacole
no se impasta fritole.

A lume de candela
no se compra nè dona nè tela.

L'ucia e la pesseta
mantien la poareta.

I cavei de la copa
i fa tirar la boca.

Leto fato e dona petenà
la casa l'è destrigà.

Se te vol che l'amicissia régna,
na sporta vaga e una vègna.

Preti e capitei,
cavève el capèl e rispetèi.

 

Note
Proverbi e modi di dire

Informatori
Dall'attività svolta presso le scuole primarie di Colognola ai Colli e Illasi
i nonni

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)- GBE Gianni Bussinelli editore , 2017

Polenta e latte
ingrossano le natiche.

Con il mestolo con cui si versa la minestra
si viene poi serviti.

La pecora che si intrattiene a belare
perde il boccone.

Con acqua e chiacchiere
non si impastano frittelle.

Con la flebile luce della candela
non si devono comprare ne donne ne stoffe.

Con ago e un pezzetto di stoffa (che sa cucire)
anche la donna misera riesce a sopravvivere.

I capelli alla base del collo
quando si annodano fanno piangere.

Con l etto rifatto e donna pettinata
la casa è in ordine.

Se vuoi che regni l'amicizia
una borsa deve andare e una deve venire.

Davanti a preti e capitelli
bisogna togliersi il cappello e rispettarli.

 

 

 

 

 

 

 

EL CUCO DE APRILE

L'uno o el du de aprile
el cuco deve venire
e se no 'l vien el sete o l'oto
o che l'è perso o che l'è morto
e se no 'l vien al vinti
l'è perso par i formenti
e se no 'l vien ai trenta
el pastore el lo gà magnà dentro la polenta.

Note
Proverbi e modi di dire

Informatore
Cecilia Camponogara (Bolca, 1934)


Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)- GBE Gianni Bussinelli editore , 2017

 

 

 

ALTRI PROVERBI

De San Biagio (3 febbraio)
el fredo el va adagio,
ma fra nuvole e seren
quaranta dì ghe n'em.

Coando el figaro
mete el butaro
se buta via el tabaro.

Maledete sia le nespole
l'è tri giorni che no cago
se cagar podesse
le nespole no magno più.

Suca e vin novo
alsete cul che te provo.

Tempo, cul e siori
fa coel che vol lori.

Coan Venessia comandava
se disnava e se senava,
coi francesi bona gente
se disnava solamente,
con la casa di Lorena
o se disna o se sena,
con la casa dei Savoia
è rivà na fame boia.


Note
Modi di dire e proverbi

Informatore
Gli amici del filò di Castiglione di San Michele Extra

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)- GBE Gianni Bussinelli editore , 2017

El moleta che vien da l'arena
un colpo 'l le para e un colpo 'l le mena
par un scheo: no posso, no posso,
par du schei la gusso e la indopro.

Donne e acoa santa
la fa tanto poca,
come tanta.

Zobia vegnua
setimana perdua,
ma par ci no gà da magnare
altri tri giorni gà da pensare.

Corpo pien
no 'l crede mia a coel lasso.

Ci pianse vol guarir
e ci tase stà mal da morir.

Ci va in leto sensa sena
tuta note el se remena.

Ci no sa fare
sa dire.

Coi zoeni se canta e se sona
coi veci tuti i giorni se tontona.

 

 

 

 

 

 

 

PROVERBI SUL LAVORO

Contentete de l'onesto
se no te vol perdar el manego
e anca el sesto.

La matina l'è la mama dei mestieri
e la sera quela dei pensieri.

El musso con tri paroni
el more da la fame.

Meio magnar sforsà
che laorar de gusto.

Batar nose, spalar neve e copar gente
i è tri laori fati par gnente.

La pignata de l'artesan,
se no la boie ancò la boie doman.

Far e desfar l'è tuto un laorar.

A bon soldà ogni arma ghe fa.

L'omo fa i arnesi
e i arnesi fa l'omo.

Ci vol saver cossa l'è l'inferno,
fassa el cogo d'istà e 'l caretier d'inverno.

Ci gà un mestier in man,
dapartuto trova pan.

Se la bela la va al mulin,
la se infarina el culetin.

Svelto a magnar, svelto a laorar.

Cao curto, vendema longa.

Casa lasagna, ci laora magna.

Quando gh'è paia e fen, le robe le va ben.

Impara l'arte e metela da parte.

L'ocio del paron goerna el cavalo.

Tera nera dà bon fruto,
tera bianca gnente in tuto.

Note
Proverbi e modi di dire legati al lavoro

Informatore
Dall'attività svolta presso le scuole primarie
i nonni

Accontentati dell'onesto
se non vuoi perdere il manico
e anche il cesto.

La mattina è la madre dei mestieri
e la sera quella dei pensieri.

L'asino che ha tre padroni
muore di fame.

Meglio mangiare a forza
che lavorare con piacere.

Buttare giù le noci della pianta, spalare neve e uccidere
sono tre lavori fatti per niente.

La pentola dell'artigiano,
senon bolle oggi bolle domani.

Fra fare e disfare è un continuo lavorare.

A buon soldato ogni arma è sufficiente.

L'uomo fa gli arnesi
e gli arnesi fanno l'uomo.

Chi vuol sapere cos'è l'inferno,
faccia il cuoco d'estate e il carrettiere d'onverno.

Chi ha un mestiere fra le mani,
ovunque trova come guadagnarsi da mangiare.

Se la bella va al mulino,
lsi infarina il sederino.

Svelto a mangiare, svelto a lavorare.

Tralcio corto, vendemmia lunga (abbondante).

Casa lasagna, chi lavora mangia.

Quando c'è paglia e fieno, le cose vanno bene.

Impara l'arte e mettila da parte.

L'occhio del padrone coltiva bene il cavallo.

Terra nera dà buon frutto,
terra bianca niente in tutto.

 

 

 

 

 

PROVERBI SUL VINO

Otobre: vin e cantina
da sera a matina.

A ci no ghe piase el vin,
che 'l Signor ghe toga anca l'acoa.

Se te ghè poco vin
vendete fora anca el tin.

Dal béar bisogna tegnerse indrio,
ma co la testa parché el vaga zó meio.

Dona zóina e vin vècio.

L'omo pien de vin,
el te parla anca in latin.

Du diei de vin prima de la minestra,
par el spessial l'è pèzo de la tempesta.

Scarpa grossa, gòto pien,
ciapa el mondo come el vien.

Val de pì un'ora de alegria
che sento de malinconia.

Quando se travasa se bee.


Note
Proverbi relativi al vino

Informatore
Dall'attività svolta presso le scuole primarie
i nonni

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)- GBE Gianni Bussinelli editore , 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ritorna alla pagina LA RICERCA >>>

 

Ultimo aggiornamento: novembre 2019

 

 

 

Free website counter