L'associazione
La tradizione popolare
Videostorie
Pagina principale
Ricerca e testimonianze
Il canto popolare
La discografia

 

Conte e Filastrocche

 

Olta la carta Ascolta l'audio (163 Kb) >>>

Din don le campane de Bugolon,
le sonava dì e note
le butava zó le porte.
E le porte i era de fero,
olta la carta se vede un capèlo.
Un capèlo pien de piogia,
olta la carta se vede na rosa.
E na rosa che sa da bon,
olta la carta se vede un limon.
Un limon proprio fato,
olta la carta se vede un mato.
Un mato da ligare,
olta la carta se vede un re.
Un re e un rearo,
olta la carta se vede un peraro.

Un peraro che fa i peri,
olta la carta se vede i ripéri.
Du ripéri che taia el cao,
olta la carta se vede un pao.
Un pao col becco rosso,
olta la carta se vede un posso.
Un posso pien de acoa,
olta la carta se vede na gata.
E na gata che fa i gatei,
olta la carta se vede i butei.
Du butei che va a l'ostaria,
olta la carta l'è bela finia.

Din don le campane di Bugolon
suonavano giorno e notte
buttavano giù le porte.
E le porte erano di ferro
volta la carta si vede un cappello.
Un cappello pieno di pioggia,
volta la carta si vede una rosa.
E una rosa che sa di buono
volta la carta si vede un limone.
Un limone proprio maturo
volta la carta si vede un matto.
Un matto da legare,
volta la carta si vede un re.
Un re e un reame,
volta la carta si vede un pero.
Un pero che fa i peri,
volta la carta si vedono due insolenti.
Due insolenti che scappano,
volta la carta si vede un tacchino.
Un tacchino col becco rosso,
volta la carta si vede un pozzo.
Un pozzo pieno d'acqua,
volta la carta si vede una gatta.
E una gatta che fa i gattini,
volta la carta si vedono dei ragazzi.
Due giovani che vanno all'osteria,
volta la carta ed è già finita.

Note
Filastrocca scioglilingua

Informatore
Elda Drezza (Illasi, 1931)

Tratto d al libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Pim pum

 

Pim pum guerra bataglia,
ecco l'uomo de la bandiera,
quando el magna el se dispera.
El magna un piato de lasagne
uno a mi, uno a ti,
uno a la vecia ch' è morto l'altro dì.

Pim pun guerra battaglia,
ecco l'uomo della bandiera,
quando mangia si dispera.
Mangia un piatto di lasagne,
uno a me, uno a te
e uno alla vecchia che è morta l'altro giorno.

 

Note
Filastrocca scioglilingua

Informatore
Elda Drezza (Illasi, 1931)

 

 

Tutù tutù musseta

 

Tutù tutù musseta,
la mama la vien da messa
co le tetine piene
da dare ai so butini
i so butini i cria
la mama la scapa via
la scapa sul figaro
ciamare el caregaro
el caregaro l'è andà a la fiera
comprare na puliera
par strada la gh'è morta
l'à trata in t'una fossa
co la receta sanca
'l gà fato na balansa
co la receta drita
'l gà fato na trombeta
salta de là del mare
se mete a trombetare
salta fora un prete fin
el ghe dà un bocal de vin
salta fora un prete grosso
el ghe dà un scopeloto
salta fora un prete grande
ullallà co le to gambe!

Informatore
Antonio Verlato (Soave, 1951)

Trotta trotta asinella
la mamma torna dalla messa
con le mammelle piene
da dare ai suoi bambini
i suoi bambini bisticciano
la mamma scappa via
scappa sul fico
a chiamare chi fa le sedie
chi fa le sedie è andato alla fiera
a comperare una puledra
per strada gli è morta
l' ha buttata in una fossa
con l'orecchio sinistro
ha fatto una bilancia
con l'orecchio destro
ha fatto una trombetta
salta di là del mare
si mette a strombettare
salta fuori un prete fino
gli dà un boccale di vino
salta fuori un prete grosso
gli dà uno scappellotto
salta fuori un prete grande
Ullallà con le tue gambe!

 

 

Tutù tutù musseta 2

 

Tutù tutù musseta,
la mama l'è 'ndà a messa
pupà l'è andà nei campi
co tri cavai bianchi
bianca la sela
bianco el selin
ciao ciao Batistin!

varianti

…………….
Bianca la sela
Tuti giù per tera!

…………
bianca la sela
bianco el selin
bianco de…..(nome bimbo/a) el capelin!

 

Trotta trotta asinella
la mamma è andata a messa
il papà è andato nei campi
con tre cavalli bianchi
bianca la sella
bianco il sellino
Ciao ciao Battistino!

varianti

…………….
Bianca la sella
Tutti giù per terra!

…………
bianca la sella
bianco il sellino
bianco di…..(nome bimbo/a) il cappellino!

 

Informatore
Bruno Zambaldo
 

 

La veceta

 
A gh'era na veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
che la gavea tri fioi
minoi, bufoi, finfarifoi
che i nasea a caccia
minaccia, bufaccia, finfarifaccia
e sti tri fioi
minoi, bufoi, finfarifoi
nando a cacia
minacia, bufacia, finfarifacia
i à ciapà tre quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
i ghe l'à portè a casa a la veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
par stasera cusinè ste quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
co la polenta
minenta, bufenta, finfarifenta
sì butei
minei, bufei, finfarifei
metile lì su la tola
minola, bufola, finfarifola
e intanto la veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
la le i à pelè,
menè, bifè, finfarifè
e dopo la va zó in cantina
minina, bufina, finfarifina
a tore el lardo
minardo, bufardo, finfarifardo
par cosar ste quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
e intando el gato
minato, bufato, finfarifato
el g'à magnà le quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
vien su la veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
né zó e feve dodese ovi de fritaia
minaia, bufaia, finfarifaia
e la magnè co la polenta
minenta, bufenta, finfarifènta
a can de un gato,
minato, bufato, finfarifato
adesso eh i butei
minei, bufei, finfarifei
salvete veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
ven casa i butei
minei, bufei, finfarifei
con na fame da can
minan, bufan, finfarifan
gavio coto le quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
tasì butei
minei, bufei, finfarifei
fin che so' nà in cantina

minina, bufina, finfarifina
a tore el lardo
minardo, bufardo, finfarifardo
par cosar ste quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
el gato
minato, bufato, finfarifato
el gà magnà le quaie
minaie, bufaie, finfarifaie
a cagna de na veceta
mineta, bufeta, finfarifeta
te portemo sul monte
minonte, bifonte, finfarifonte
e te s'ciafemo el culo
minulo, bifulo, finfarifulo
la dise, gavì reson butei
minei, bufei, finfarifei
e mi me sento là su la pieréta
mineta, bifeta, finfariféta
che me rinfresco la memoria
minoria, buforia, finfariforia
intanto vualtri butei
minei, bufei, finfarifei
che l'è ancora su la panara
minara, bufara, finfarifara
…calda
minalda, bufalda, finfarifalda.

Note
Filastrocca
Tema: finfarifeta

Informatore
Gina Bragantini (S.Michele Extra, 1918)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La veceta 2

 
A gh'era 'na veceta
fufeta, finfarifeta
e un veceto
fufeto, finfarineto.
El ghe dise un giorno el veceto
fufeto, finfarineto
a la veceta
fufeta, finfarifeta
cóseme ste tre quaie
fufae, finfarinae.
La veceta
fufeta, finfarifeta
la ghe dise al veceto
fufeto, finfarineto
ah veceto
fufeto, finfarineto
fin che so 'nà tore el cortelo
fuselo, finfarinelo
el gato
fufato, finfarinato
el m'à magnà le tre quaie
fufae, finfarinae.
Oh veceto
fufeto, finfarineto
schisete soto 'na bela erbeta
fufeta, finfarineta.
Oh veceta
fufeta, finfarifeta
schisete soto 'na bela merdeta.


Note
Filastrocca
Tema: finfarifeta

Informatore
Giorgio Fattori (Cazzano di Tramigna,1958)
imparata dal padre Giuseppe Fattori (Cazzano di Tramigna, 1919)

 

La cavallina Ascolta l'audio (102 Kb) >>>

 

Tutù sei la cavallina,
la gatina la và in cusina
e la rompe le scudele
ma la lassa le pi bele.
La và in piassa
e la compra l'insalata,
la compra i fighi sechi,
la ghi porta ai buteleti.
Buteleti no i ghin vole
parché i gà roto el barbissólo
su le porte di Milano
e su quele de Verona.
Dove i canta e dove i sona,
dove i pesta l'erba bona,
l'erba bona la fa fenocio,
Catarinela struca l'ocio.
Catarinela impasta el pan
per donarlo a quel cristian,
coel cristian no 'l ghin vole,
Catarinela metelo al sole.

Trotta sei la cavallina,
la gattina va in cucina
e rompe le tazze
ma lascia le più belle.
Va in piazza
e compra l'insalata,
compra i fichi secchi,
li porta ai bambini.
Ibambini non li vogliono
perchè hanno rotto il mento
sulle porte di Milano
e su quelle di Verona.
Dove cantano e dove suonano,
dove pestano l'erba buona,
l'erba buona fa finocchio,
Catarinela chiudi l'occhio.
Catarinela impasta il pane
per donarlo a quel cristiano,
quel cristiano non ne vuole
Catarinela mettilo al sole.

 

Note
Filastrocca

Informatore
Cecilia Camponogara (Bolca, 1934)
imparata dalla zia
Santina Camponogara (Bolca, 1897)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Tutù cavalo Ascolta l'audio (57,4 Kb) >>>

 

Tutù, tutù cavalo
el vecio mulinaro,
el gà semenà la biava,
le grole la mangiava.
El gà semenà el formento,
le grole è saltà dentro.
Bomba, ribomba,
la vecia se sfonda,
la vecia se nega,
le pute rampega.

Trotta, trotta cavallo,
il vecchio mugnaio,
ha seminato la biada,
le cornacchie la mangiavano.
Ha seminato il frumento,
le cornacchie ci sono saltate dentro.
Bomba, ribomba,
la vecchia affonda,
la vecchia s'annega,
le giovani si arrampicano.

 

Note
Filastrocca

Informatore
Cecilia Camponogara (Bolca, 1934)
imparata dalla zia
Santina Camponogara (Bolca, 1897)

 

 

Piove piovesina

 

Piove piovesina,
la gata la va in cusina
la rompe le scudele
la salta sul leto
el leto l'è bianco
el banco l'è duro
la salta sul muro
el muro l'è roto
la salta nel fosso
el fosso l'è pien de acoa
e la gata la deventa mata.

Piove pioviggina,
la gatta va in cucina
rompe le scodelle
salta su letto
il letto è bianco
il letto è duro
salta sul muro
il muro è rotto
salta nel fosso
il fosso è pieno d'acqua
e la gatta diventa matta.

 

Note
Versione "Illasiana" della nota filastrocca
Informatore
Annalisa Pasi (Verona, 1949)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Piove piovesina 2

 

Piove piovesina,
la gata la va in cusina
la rompe le scudele
quele più bele.
La va sul leto
la cata un confeto,
la va su par na scala
la cata na bala.
La va su per el muro,
la cata un tamburo,
la va via tamburando
fin che l'è su la riva del mare.
Salta fora un prete sopo
el ghe dà un scopeloto
el tira fora la cortela
el ghe porta via na recia e na massèla,
el vede che 'l pissa sangue,
via a gambe!

Piove pioviggina,
la gatta va in cucina
rompe le scodelle
quelle più belle.
Va sul letto,
trova un confetto,
va su per la scala
trova una palla.
Va su per il muro
trova un tamburo,
va via battendo il tamburo
finchè arriva sulla riva del mare.
Salta fuori un prete zoppo
e gli da uno scappellotto
tira fuori un coltello
e gli porta via un'orecchio e una mascella,
vede che perde sangue,
via a gambe levate!

 

Note
Versione della filastrocca con finale più cruento
Informatore
Dalla ricerca presso la casa di riposo di Illasi Angelina Bee (Illasi, 1907)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Tuti fora col s'ciopeto Ascolta l'audio (42,6 Kb) >>>

 

Tuti fora col s'ciopeto
pim pum guera bataglia.
Ecco l'uomo de la bandiera
quando el magna el se dispera.
El magna un piato de lasagne
uno mi, uno ti
uno a la vecia
ch'è morto l'altro dì.

Tutti fuori col fucile
pin pum guerra battaglia.
Ecco l'uomo con la bandiera
quando mangia si dispera.
Mangia un piatto di tagliatelle
uno a me, uno a te,
uno alla vecchia
che è morta l'altro giorno.

 

Note
Filastrocca

Informatore
Elda Drezza (Illasi, 1931)

 

 

 

Filastrocca per imparare l'Alfabeto Ascolta l'audio (54 Kb) >>>

 

L' Aeroplano vola, vola.
si è fermato nella scuola
e con lui tutte carine,
tante belle figurine.
Tra le prime della schiera
c'è d'Italia la
Bandiera.
Di
Ciliege un bel s'ciapeto
un camino col fiocchetto.
Un bel
Dado assai elegante
col nasone da
Elefante.
Ecco il
Fascio,
u, alla là.
Poi la
Giostra gira gira
e un gattino che l'ammira.
Un
Imbuto per travasare
e la
Luna è il nostro Mare.
Poi sull'albero un bel
Nido
l'
Orologio amico fido.
Un bel
Pesce fuori dal mare,
un bel
Quadro da ammirare.
Una
Rana canterina,
dalla veste verdesina.
Canta, canta, chiama
Sole
che c'è quì per chi lo vuole.
Com'è
Tondo, com'è bello,
scalda tutti anche l'
Uccello.
Un bel
Vaso a vetro fino,
e la
Zappa per il giardino.
E la Chiesa del buon Dio,
dove prego tanto anch'io.
Uno gnomo piccolino
da le ghiande al maialino,
lo sciatore con gli sci,
l'alfabeto è tutto quì.

Note
Filastrocca

Informatore
Cecilia Camponogara (Bolca, 1934)

 

 

 

 

Doman, doman domenega Ascolta l'audio (955 Kb) >>>

 
Doman, doman domenega
l'è el giorno de la selega.
La selega la gà el gnaro
sul cul del campanaro.
El campanaro el ghe fa festa
el ghe bate 'ia la testa.
Tasì, tasì figlioli
che l'acoa l'è bolente.
La fa scotare i denti
i denti e le mandive.
Vien fora la Mariana
la dà un boto de campana.
Le campane le s'à rote
vien fora tre bele pute.
Le pute no vol balare
gnanca el vecio no vol sonare.

Raccontandomi questa filastrocca mia zia Santina si metteva seduta su una sedia
poi mi prendeva in braccio e mi faceva saltellare sulle sue ginocchia.

Note
Filastrocca che si insegnava nell'infanzia

Informatore
Cecilia Camponogara (Bolca, 1934)
imparata dalla zia
Santina Camponogara (Bolca, 1897)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Conte varie

 

Ci magna mòre el more
ci no ie magna el crepa
la pansa de la Bepa
l'è tuta rapolà.

 

An tan
fiol d'un can
fiol d'un beco
mori seco!

 

Chi mangia more muore
chi non le mangia crepa
la pancia della Giuseppa
è tutta una piega.

 

An tan
figlio di un cane
figlio di un becco
muori secco!

 

Sa chi sa
se sa che sa
Che se sa
non sa se sa
Sol chi sa
che nulla sa
Ne sa più
di chi ne sa!

 

Note
Conte varie per stabilire chi doveva iniziare il gioco

Informatore
Bruno Zambaldo (Cellore, 1936)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

 

Pìpi sólo

 

Pìpi sólo
gamba sóla
questa biànca
mini sànca
mini uno
mini dù
mini trì
mini quàtro
mini sìnque
mini sié
mini séte
mini òto
sgarbòto
ésca
badésca
tira su
quala èla
questa.

 

 

I bambini si sedevano in cerchio con le gambe allungate verso il centro
dove uno di loro iniziava la conta delle gambe indicandole con un bastone.
La gamba indicata con l'ultima parola (questa) veniva esclusa dal gioco
piegandola sotto al sedere.
Tutti i bambini controllavano attentamente la regolarità della conta.
Alla fine tutti si ritrovavano seduti con le gambe incrociate sotto al sedere eccetto una.
Ma era proprio chi rimaneva con l'ultima gamba fuori che pagava il pegno:
dire, fare o baciare.

Note
Conta gioco

Informatore
Fausto Viviani
(Illasi, 1951)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Pin pin usèlo

 

Pin pin usèlo
da la galina sopa
che caga su la stropa
che caga sul stroparo.
Coante rue gà el caro?
Una uno, una due, una tre, una coatro
steme via se no ve ciapo.

Note
Conta gioco

Informatore
Filò a Castiglione di San Michele Extra (Piergiorgio e Susi)

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

 

Din don campanon

 
Din don campanon
coatro vece sul balcon:
una che fila,
una che taia,
una che fa capei de paia
una che fa cortei d'argento
par taiar la testa al vento.

Note
Filastrocca

Informatore
Dall'attività svolta presso la scuola primaria di Caldiero
nonna Maria

 

 

El prete de Cantropoli

 
El prete de Cantropoli
l'è nà in Caltran par brocoli.
El prete de Caltran el gà dito:
ghi n'avìo mia brocoli in Cantropoli
che vegnì in Caltran par brocoli?


Note
Scioglilingua

Informatore
Dall'attività svolta presso la scuola primaria di Cazzano di Tramigna
nonno Aldo

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

Filastrocche enumerative - educative

 
Co questo l'ò ciapà, (pollice)
co questo l'ò copà, (indice)
co questo l'ò pelà, (medio)
co questo l'ò magnà, (anulare)
e sto poro picenin, (mignolo)
no l'à magnà gnanca un tochetin.

Police l'è nà nel posso,
indice el l'à tirà su,
medio el l'à sugà,
anulare el gà dito:
verzi el caltin che gh'è na grosta de formain,
el mignolo el gà dito:
damelo a mi che so 'l piassè picinin.

Dielin (mignolo)
sposalin (anulare)
mato longo (medio)
cura ocio (indice)
cópa piocio. (pollice)

Luni el va da marti
che 'l diga a mercoli
che l'avisa giovedi
che 'l vaga da venardi
par dir a sabo
che dominiga l'è festa.

Luni lunario,
marti martario,
mercoli mercolini,
giovedi codeghini,
venere no lo so e..
domenica te lo dirò!
Cossa ò lassà indrio? SABATO

Oceto belo: so fradelo,
receta bela: so sorela,
la porta, la piassa,
el campanelo
din don, din don, dindelo.

Note
Filastrocche enumerative - educative

Informatori
Dall'attività svolta presso le scuole primarie
i nonni

Tratto dal libro "La Moscarola" Editrice La Grafica di Vago di Lavagno (VR)-
GBE Gianni Bussinelli editore
, 2017

 

 

 

 

 

 

 

Manina bela

 
Manina bela
Manina bela
'indo sito stà.
Da la mama
dal papà.
Sa t'hai dà.
Pan, late ...
e gate gate.

 

 

Soto el ponte de Verona

 

Soto el ponte de Verona
gh'è na vecia scoresona.
La scoresa tuto el dì,
A - BI - CI,
toca proprio a ti.


Note
Conta per stabilire a chi toccava iniziare il gioco

Informatori
Annalisa Pasi (Verona, 1949)

 

 

 

Ritorna alla pagina LA RICERCA >>>

 

Ultimo aggiornamento: novembre 2019

 

 

 

 

 

Free website counter